#tunonhaibisognodellopsicologo
image
image

La storia della rana e dello scorpione

  • Home
  • Blog
  • La storia della rana e dello scorpione
image

Buongiorno lo so tu non hai bisogno dello psicologo ma potresti aver voglia di conoscere la storia della rana e dello scorpione.

Uno scorpione chiese ad una rana di lasciarlo salire sulla sua schiena e di trasportarlo sull'altra sponda di un fiume. La rana però inizialmente rifiutò, temendo di essere punta durante il tragitto. Ma lo scorpione le spiegò come il suo timore fosse infondato

"Se ti pungessi, infatti, anche io cadrei nel fiume, e non sapendo nuotare, morirei affogato assieme a te, perché dovrei farlo?", le disse.

Come finisce la storia?

La rana convinta alla fine da tale argomentazione accettò e lasciò salire lo scorpione sulla sua schiena e cominciarono insieme ad attraversare il fiume. Ma quando si trovarono a metà strada al centro del fiume, la rana sentì un dolore fortissimo provenirle dalla schiena e capì immediatamente di essere stata punta proprio dalla scorpione del quale si era fidata.

Allora la rana chiese allo scorpione: "Perché mi ha punto? Perchè ci ha condannato entrambi alla morte?".
E mentre entrambi cominciarono a sprofondare nelle acque del fiume lo scorpione le rispose: " Non posso farci niente, è la mia natura."

I bisogni negati della rana

La storia ci insegna che la colpa della rana è quella di non aver ascoltato i propri bisogni, di aver messo in secondo piano il proprio benessere in favore delle richieste dello scorpione che non conosceva bene ma del quale sentiva che non si poteva fidare.
 

Le promesse dello scorpione.

Lo scorpione dal canto suo anche se responsabile del fatto non fa una fine migliore. La sua responsabilità è quella di aver promesso alla rana qualcosa che non poteva essere certo di poter mantenere. Le sue buone intenzioni non sono bastate a non farlo cadere vittima della sua stessa natura.


Bene grazie per aver letto l'articolo. Se hai trovato i miei contenuti interessanti puoi seguire le mie attività sulle pagine social, vedere i miei video sul canale Youtube o ascolare i podcast su tutte le principali piattaforme. Se hai bisogno di me puoi trovare qui i miei contatti, sarò lieto di risponderti il prima possibile. In ogni caso ti lascio con la mia classica frase, se pensi che non puoi fare la differanza beh pensa ancora.

 

Info sull'autore

Marco Naman Borgese è uno psicologo, psicoterapeuta e coach. Cultore della materia presso l'Università degli studi di Salerno, Docente presso l'Università del calcio di Coverciano e docente per il Master Giunti in psicologia dello sport. Ha conseguito una borsa di studio presso il Policlinico Universitario Agostino di Gemelli in Roma per il trattamento del dolore cronico mediante l'uso della realtà virtuale in donne affette da endometriosi. E' pratictioner EMDR di I° livello e certificato per l'uso del protocollo Mindfulness MBSR Palouse ed esperto nell'uso della realtà virtuale nel trattamento dei disturbi psicologici.

 

Contattami adesso per maggiori informazioni