#tunonhaibisognodellopsicologo
image
image

6 luoghi comuni sulla dipendenza affettiva che dobbiamo sfatare per conoscerla meglio

  • Home
  • Blog
  • 6 luoghi comuni sulla dipendenza affettiva che dobbiamo sfatare per conoscerla meglio
image

Buongiorno lo so tu non hai bisogno dello psicologo, ma potresti avere bisogno di saperne un pò di più sulla dipendenza affettiva, ossia quella condizione in cui amare l'altro diventa ossessione e sofferenza. Vediamo in questo articolo 6 luoghi comuni su questa condizione.

ma che ci vuole basta che lo lasci e starai meglio. se fosse così facile.

In realtà chi ne è colpito investe così tanto nella definizione del proprio valore attraverso la relazione che è disposto a sacrificare i propri bisogni e le proprie esigenze pur di accontentare quelle di un partner che viene sempre messo davanti a tutto. La persona in sostanza eclissa completamente se stessa per l'altro.

ne sono più colpite le donne perché sono deboli. si e la terra è piatta.

Circa l'80% delle persone colpite sono donne. Ciò potrebbe essere causato da una forte influenza culturale, che stabilisce come esse debbano ricoprire il ruolo di madri e mogli rinunciando al ruolo di donne. Inoltre spesso è presente uno schema disfunzionale familiare rispetto la figura della donna.

lo sappiamo l'amore non è bello se non è litigarello. basta luoghi comuni!

Chi si trova invischiato in questa condizione sperimenta un peggioramento significativo nella propria qualità di vita. Tra i sintomi più importanti troviamo lo sviluppo di un elevato senso di colpa e di inferiorità. Si sperimenta inoltre una estrema gelosia, paura dell’abbandono, scarsa autostima e annullamento di sé e delle proprie passioni.

ma tu devi pensare a te stesso e basta. grazie che lo hai detto non lo sapevo.

Alla base di questo malessere troviamo la convinzione che grazie alla relazione con il partner ci si potrà percepire come finalmente indispensabili per qualcuno e ricucire così un'antica ferita. Infatti spesso si è sperimentato nel corso della vita l’idea di non essere mai stati realmente importanti per nessuno.

lascia stare l'amore delle favole l'amore è sofferenza. davvero dici?

Beh no perché anche questa è una credenza appresa, spesso in ambito familiare, per cui l'amore richiede il sacrificio. Si dice a sé stessi che le persone ci potranno amare solamente se ci si sacrificherà per loro. In realtà un amore maturo e sano è basato su uno scambio alla pari in cui i bisogni dell'altro sono messi al pari dei propri.

ma se sto male per lui perché parliamo di me?Rimettiamoci al centro.

Perché il primo passo in terapia è rimettere sé stessi al centro. L'aspetto fondamentale è rappresentato dall'esplorare in terapia eventuali traumi non elaborati, conflitti interiori rispetto ambienti di lavoro o relazionali e ancora una mancata capacità di ascolto delle proprie emozioni.


Bene grazie per aver letto l'articolo.

Se hai trovato i miei contenuti interessanti puoi seguire le mie attività sulle pagine social, vedere i miei video sul canale Youtube o ascoltare i podcast su tutte le principali piattaforme.

Se hai bisogno di me puoi trovare qui i miei contatti, sarà lieto di risponderti il prima possibile.

In ogni caso ti lascio con la mia classica frase, se pensi che non puoi fare la differenza beh pensa ancora.


Info sull'autore

Marco Naman Borgese è uno psicologo, psicoterapeuta e coach. Cultore della materia presso l'Università degli studi di Salerno, Docente presso l'Università del calcio di Coverciano e docente per il Master Giunti in psicologia dello sport. Ha conseguito una borsa di studio presso il Policlinico Universitario Agostino di Gemelli in Roma per il trattamento del dolore cronico mediante l'uso della realtà virtuale in donne affette da endometriosi. E' pratictioner EMDR di I° livello e certificato per l'uso del protocollo Mindfulness MBSR Palouse ed esperto nell'uso della realtà virtuale nel trattamento dei disturbi psicologici.

Contattami adesso per maggiori informazioni

Oppure

Seguimi e resta aggiornato sulla mia attività